Dal campo al piatto

apri

}

Claude Merle e Rémy Bacher, Un'arnia in giardino: guida pratica per un'apicoltura bio alla portata di tutti, Firenze, Terra Nuova, 2021

BIM 638.1 MERLC

Installare un'arnia in giardino o nell'orto? Perché no! Non bisogna essere esperti apicoltori per prendersi cura delle api, comparse sulla Terra circa 20 milioni di anni fa, ma oggi in serio pericolo a causa dell'inquinamento e dei trattamenti antiparassitari. Allevare le api è un modo concreto per promuovere la biodiversità e proteggere questo prezioso insetto, responsabile dell'impollinazione di migliaia di specie vegetali spontanee e coltivate. L'apicoltura è anche un'attività molto appassionante ed educativa per grandi e piccini, senza contare che sono sufficienti poche arnie per produrre tutto il miele necessario per il fabbisogno familiare. Che tu abbia a disposizione un piccolo orto o un grande appezzamento di terreno, in queste pagine troverai tutte le informazioni per scegliere il tipo di alveare più adatto e come installarlo, acquistare uno sciame o recuperarlo in natura, proteggere in modo naturale le api da parassiti e predatori, e alla fine raccogliere non solo il miele, ma anche gli altri preziosi prodotti dell'alveare come il polline, il propoli e la cera.

apri

}

Corrado Rainaldi, Dizionario di apicultura, Milano, De Vecchi, 2021

BIM 638.103 RAINC

Per chi con le api ci lavora, per chi le ama e vuole conoscerle meglio, per chi è attento all'ambiente, per tutti gli appassionati di natura. Il mondo delle api e degli apiari raccontato in una maniera tutta nuova: un po' poetica e un po' filosofica, ma sempre accurata e precisa sotto il profilo naturalistico e operativo. Scritto da un "vecchio apicultore di montagna" (come si definisce lui stesso), avvocato di professione e apicultore per passione da tutta la vita, questo libro è un elogio delle api e del loro mondo. La struttura per voci in ordine alfabetico rende la lettura agile.

apri

}

Alessandra Giovannini, "Il *mio non sol ma l'altrui ben procuro: storie di api, miele e apicoltori di Imola e dintorni, Imola, La mandragora, stampa 2021

IMOLESI 638.1094545 GIOVA

"Non solo per noi, ma anche per gli altri". Le api non lavorano e producono solo per il loro sostentamento, ma anche per il benessere di tutti. Insetti preziosissimi e insostituibili per l'equilibrio degli ecosistemi e per la sicurezza alimentare della nostra e di altre specie viventi, oltre a regalare il miele, prodotto che l'uomo, da secoli, lavora e utilizza nei modi più svariati. Le api, esempio di produttività, ma anche di un altissimo senso di comunità. Questo libro vuole essere l'occasione per raccontare il loro lavoro, ma anche l'attività di tanti apicoltori di Imola e dintorni. Di ieri e di oggi. Gli speziali venditori di mieli, l'apiario della Scuola Agraria Scarabelli di Imola, l'associazione degli infermieri apicoltori dei manicomi imolesi, diventano i protagonisti di un mondo dai mille gusti. Una testimonianza del rapporto di amore, passione e lavoro tra uomini, donne e le loro api. Sapori dolci e amari di un vivere comune.

apri

}

Matteo Cereda, Mettete orti sui vostri balconi: il manuale completo per coltivare ortaggi in vaso, Milano, Rizzoli, 2021

BIM 635 CEREM

> risorsa disponibile anche su MLOL

Il basilico non si compra. Essiccato non sa di nulla e se si prende fresco va usato subito. Molti non conoscono l'odore che sprigiona la pianta del pomodoro e rinunciano al gusto di mangiare un ciliegino appena colto. E che dire del peperoncino, di cui esistono migliaia di varietà? Nei supermercati è raro trovarne più di due o tre, e non sappiamo cosa ci perdiamo. Le motivazioni per iniziare a coltivare sono spesso piccole, ma la cosa meravigliosa è che lo si può fare praticamente ovunque. Non occorre un giardino o un campo, bastano uno spazio all'aria aperta - un terrazzo, un balcone, anche solo un davanzale - e… questo libro, che ci spiegherà tutto, ma proprio tutto ciò che dobbiamo sapere in modo semplice e accessibile: come scegliere gli ortaggi giusti, quali sono gli attrezzi necessari, come e quando seminare, concimare, irrigare, trapiantare e tante altre cose che ci renderanno degli orgogliosi coltivatori urbani. Cavolfiori, fagioli e fagiolini, cipolle, zucche e zucchine, menta, fragole e un'infinità di altri prodotti della terra non avranno più segreti. E, con il tempo, ci accorgeremo anche degli insegnamenti profondi che la coltivazione ci offre: la cura, la costanza, una dedizione fatta di piccole attenzioni quotidiane, un rapporto con la natura e con il cibo che rischiamo di perdere e che invece ameremo riscoprire. Magari con tutta la famiglia, bambini compresi, ai quali Matteo Cereda dedica grande attenzione con una serie di attività pensate ad hoc per coinvolgerli in modo costruttivo e divertente

apri

}

Alex Mitchell, Il piccolo orto in casa: coltivare frutta e verdura migliora la vita, Milano, Corbaccio, 2021

BIM 635.04 MITCA

Avete poco spazio ma vi piacerebbe coltivare verdura e frutta? Congratulazioni. Sul serio, siete fortunati. Non dovrete né spezzarvi la schiena né arrancare faticosamente su acri di terreno: estirpare, scavare e disinfestare per voi sono concetti da ridimensionare. Lavorare in uno spazio ridotto è l'opzione migliore: senza inquinare e senza monopolizzare tutto il vostro tempo libero, un piccolo orto casalingo vi manterrà connessi alle stagioni, vi offrirà una pausa dalla frenesia urbana e vi ricompenserà con l'incomparabile sapore della frutta e della verdura appena colte. Invece di aprire barattoli di fagioli e vassoi in polistirolo di insalate e carote avvolti nel cellophane, vi limiterete a spazzar via un po' di terra, senza poi dover gettare le confezioni ancora mezze piene, perché coglierete soltanto la quantità che vi serve. Ricco di spunti ampiamente collaudati e di idee facili pensate apposta per la coltivazione in vaso, nelle bordure, in piccoli giardini e all'interno di casa vostra, Il piccolo orto in casa garantisce un ottimo risultato anche ai principianti e a chi dispone di uno spazio apparentemente minimo.

apri

}

Fabio Ciconte, Fragole d'inverno: perché saper scegliere cosa mangiamo salverà il pianeta (e il clima), Bari, Roma, Laterza, 2020

BIM 363.73926 CICOF

> risorsa disponibile anche su MLOL

Se il clima cambia, cambia l’agricoltura. Se cambia l’agricoltura, cambia anche il cibo che mangiamo. È sotto i nostri occhi: la crisi climatica ha già sconvolto i cicli colturali, stanno diminuendo le api mettendo a rischio l’impollinazione, le ondate di maltempo distruggono interi raccolti, gli agricoltori abbandonano la terra perché il cibo che producono vale sempre meno. E non è tutto. L’aumento degli allevamenti industriali si traduce in milioni di ettari di deforestazione all’anno e sfruttamento delle terre arabili per la produzione di mangimi. Il consumo smisurato di acqua e fertilizzanti così come la quantità di alimenti sprecati si aggiungono alle ragioni gravi che attentano alla salute del nostro pianeta. È arrivato il momento di essere tutti consapevoli che l’agricoltura e gli altri usi della terra sono responsabili del 23% delle emissioni climalteranti totali, una cifra che arriva al 37% se si includono i processi di trattamento dei prodotti alimentari. E, fatto non meno importante, sull’altare del nostro fabbisogno si sta sacrificando l’equilibrio tra il consumo di risorse naturali a livello globale con la capacità del pianeta di rigenerarle. Comprendere tutto questo significa da una parte assumere abitudini di consumo rispettose del clima, delle stagioni e della biodiversità; dall’altra chiedere alla politica e alle istituzioni di rendere l’agricoltura non una nemica, ma un’alleata del pianeta.

apri

}

Dario Bressanini, La scienza delle verdure: la chimica del pomodoro e della cipolla, Milano, Gribaudo, 2019

BIM 641.65 BRESD

> risorsa disponibile anche su MLOL

È vero che aggiungere zucchero o bicarbonato alla salsa di pomodoro ne riduce l'acidità? Sapete come usare al meglio il microonde per cuocere le verdure? Da dove deriva la credenza secondo cui mangiare carote migliora la vista? Qual è il segreto per ottenere patate arrosto tenere all'interno e croccanti fuori? Dario Bressanini, docente di chimica e ricercatore di professione, torna dopo "La scienza della pasticceria" e "La scienza della carne" con un libro che svela i principi chimici e fisici inerenti alle verdure più utilizzate in cucina, dall'aglio alla zucca. Dalle domande più comuni ai principi più complessi, un libro pensato per gastronomi, chef, addetti ai lavori, semplici curiosi e per tutti coloro che, oltre a nutrirsi bene, vogliono capire il perché delle cose. Un linguaggio semplice, tanti esperimenti illustrati, disegni esplicativi, tabelle, ricette spiegate step by step presentano le tecniche fondamentali per sfruttare le verdure in maniera ottimale, sfatare falsi miti e ottenere ottimi piatti

apri

}

Melissa Raupach e Felix Lill, L'orto in casa dagli scarti dei vegetali: per una cucina a km zero, Milano, Sonda, 2019

BIM 635.04 RAUPM

Questa guida semplice e dettagliata ti spiega come far ricrescere in maniera praticamente illimitata gli scarti di verdura, erbe e frutta... in casa. Anche se non hai un giardino o un balcone. Ti bastano solo acqua, terriccio, luce, un davanzale... e voilà, la magia è compiuta! Oltre 20 schede con le informazioni storiche e botaniche sui vegetali più diffusi, le istruzioni per coltivarli a casa, gli usi in cucina: dalla cipolla alla patata, dal basilico alla menta, dall'ananas al mango, il tuo davanzale, balcone o angolo di casa si trasformerà in un orto. Con tante fotografie a colori che ti guidano passo passo e rendono le indicazioni molto immediate, per coinvolgere (ed educare) anche i bambini a non sprecare nulla di ciò che la natura ci offre. Finalmente puoi sporcarti le mani divertendoti, risparmiando e vivendo a zero rifiuti. Introduzione di Stella Bonomo

apri

}

Francesco Sottile, Cristiana Peano, Agricoltura slow, Bra, Slow Food, 2017

BIM 631.58 SOTTF

Agricoltura slow è il nome che ci piace dare all'agroecologia. Conoscere i sistemi agricoli diversificati, recuperare l'uso delle sementi locali, valorizzare l'uso delle tradizionali rotazioni, rispristinare colture atte a ospitare insetti e microrganismi utili. E, ancora, scoprire l'importanza dei sistemi forestali e l'apprendimento delle tecniche per difendersi in modo sostenibile dalle malattie delle piante. Sono i temi principali di un approccio alternativo all'agricoltura convenzionale per produttori e tecnici del settore, ma anche per curiosi che vogliano intraprendere la sempre più popolare via dell'autoproduzione. Un modo di concepire l'agricoltura che riabilita i sistemi di piccola scala sottolineando l'importanza di pensare oltre ai confini del proprio campo e di sviluppare una nuova consapevolezza attenta all'ambiente, alle persone e alle loro relazioni.

apri

}

Philip Lymbery, Dead Zone: come gli allevamenti intensivi mettono a rischio la nostra salute e la sopravvivenza di molte specie animali, Roma, Nutrimenti, 2017

BIM 333.9522 LYMBP

Con "Farmageddon", Philip Lymbery aveva esplorato le contraddizioni economiche e le conseguenze sull'ambiente e sulla nostra salute della produzione intensiva nell'agricoltura e nell'allevamento. Un'indagine che prosegue con questo nuovo libro, per dimostrare come l'attuale sistema -quello che garantisce carne a basso costo sugli scaffali dei supermercati - stia pesantemente danneggiando l'ecosistema del pianeta, e rappresenti, insieme ai cambiamenti climatici e alla distruzione degli habitat naturali, una delle cause principali dell'estinzione di molte specie animali. Dead Zone conduce il lettore in un safari virtuale, per studiare lo stato delle specie a rischio più emblematiche e indagare sul legame, spesso ignorato o sottovalutato, che esiste tra la loro sopravvivenza e gli allevamenti intensivi. Specie molto diverse e distanti tra loro, come l'elefante asiatico, il bisonte, il falco pellegrino, il giaguaro, il pinguino, l'usignolo e tante altre. Senza dimenticare l'Homo sapiens, a un tempo vittima e carnefice. Il volume comprende anche un capitolo inedito sul nostro paese, scritto dall'autore per questa edizione: un viaggio in Pianura Padana, terra di alcune delle eccellenze gastronomiche italiane, e una visita al fragile ecosistema del delta del Po e al parco nazionale del Gran Sasso.

apri

}

Calendario lunare per l'orto e il giardino, Milano, Firenze, De Vecchi, 2016
BIM 635.04 CALLPL

Dedicato a chi desidera mantenere il contatto con la natura, i suoi ritmi e i suoi tempi, questa guida offre al lettore, mese dopo mese, indispensabili consigli su cosa fare in fase di Luna calante o di Luna crescente, mostrando come essa influenzi fortemente le coltivazioni, i lavori nel giardino e il frutteto, il giardinaggio e la gestione della cantina. Allegato al volume il disco del cielo, uno strumento per avere sempre a portata di mano la lavorazione giusta per il periodo giusto.