2 aprile 2018, Giornata mondiale per la consapevolezza sull'autismo

aprile 2018

Nel novembre del 2017, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione per attirare l’attenzione sulle particolari sfide che donne e ragazze disabili devono affrontare nel contesto dell’attuazione della Convenzione sui diritti delle persone con disabilità. Tale risoluzione esprime interesse per le donne e ragazze disabili, che sono soggette a forme di discriminazione multiple e incrociate, che ne limitano i diritti umani e le libertà fondamentali.

Nel 2018 l’attenzione per la Giornata mondiale per la consapevolezza sull'autismo al quartier generale delle Nazioni Unite a New York verrà focalizzata sull’importanza di mettere in condizione e coinvolgere donne e ragazze autistiche e le organizzazioni che le rappresentano nella politica e nei processi decisionali per interessare queste sfide.

Le ragazze disabili hanno meno probabilità di completare la scuola primaria e più probabilità di essere emarginate o che venga loro negato l’accesso all’educazione.

Le donne disabili hanno un minor grado di impiego lavorativo degli uomini disabili e delle donne senza disabilità.

Globalmente le donne hanno maggior probabilità degli uomini di sperimentare la violenza fisica, sessuale, psicologica ed economica; donne e ragazze disabili sperimentano violenze basate sul genere in proporzioni maggiori e in forme particolarmente discriminanti, basate sullo stigma sia del genere che della disabilità.

Come risultato dell’inaccessibilità e della generalizzazione donne e giovani disabili si trovano continuamente ad affrontare ostacoli all’accesso ai servizi per la salute sessuale e riproduttiva e alle informazioni su un’esauriente educazione sessuale, particolarmente donne e ragazze con disabilità intellettuali, incluso l’autismo.

Attraverso dibattiti dinamici con esperti e rappresentanti,  il convegno esaminerà le sfide specifiche che le donne e ragazze autistiche affrontano in tale contesto.

Altra questione chiave in discussione include le sfide e le possibilità di esercitare pienamente i propri diritti in questioni relative al matrimonio, alla famiglia e alla genitorialità in maniera paritaria, come sottolineato dal Comitato sui diritti delle persone con disabilità (art. 23) e negli “Obiettivi per uno sviluppo sostenibile” adottato dai leader mondiali nel 2015 presso le Nazioni Unite.

 

La Biblioteca comunale di Imola propone alcune letture tra le più recentemente acquisite, per comprendere cosa comportino i disturbi dello spettro autistico e cosa consigliano gli specialisti del neurosviluppo per affrontarli.

apri

}

Arabella Carter-Johnson, Una bambina di nome Iris Grace, Milano, TEA, 2017

Iris Grace ha poco più di un anno quando le viene diagnosticata una forma severa di autismo. Non comunica con gli altri, alza appena lo sguardo quando i genitori le si avvicinano, un suo sorriso è una rarità. Sua madre Arabella è disperata e quando ogni sforzo per entrare nel mondo della bambina sembra vano, arriva in casa Thula, una gattina di razza Maine Coon. L'intesa tra Iris e Thula è istantanea, evidente, miracolosa. La bambina comunica spontaneamente e senza parole con la gatta e questo legame così particolare l’aiuta a sbocciare. Insieme a Thula, che non si allontana mai da lei, ogni giorno Iris passa ore e ore a dipingere. Perché Iris è un'artista straordinaria, dotata di uno sguardo unico sulla natura e sulle cose più piccole che si traduce in una serie di quadri bellissimi. E saranno proprio queste opere al tempo stesso misteriose e affascinanti a far conoscere al mondo la sua storia incredibile. Questo libro non racconta solo di un genio o di una bambina prodigio ma soprattutto dell'amore e della forza inesausti di una madre che, con l'aiuto di una gatta eccezionale, ha restituito il sorriso alla sua bambina e alla sua famiglia.

trovalo in biblioteca

apri

}

Federico De Rosa, L'isola di noi: guida al paese dell'autismo, Cinisello Balsamo, San Paolo, 2016

L’autore, un giovane con autismo, ipotizza l’esistenza di un’isola abitata soltanto da persone autistiche, dove tutto è organizzato in funzione delle loro caratteristiche e delle loro esigenze, di cui propone una visita per mostrarne le principali caratteristiche e attività.

trovalo in biblioteca

apri

}

I disturbi dello spettro autistico in adolescenza e in età adulta: aspetti diagnostici e proposte di intervento, a cura di Roberto Keller, Trento, Erickson, 2016

Un esame delle problematiche legate ai disturbi dello spettro autistico focalizzato sui giovani e sugli adulti nella prospettiva di un effettivo miglioramento della qualità della vita che tenga conto non solo delle problematiche cliniche ma anche di bisogni ed esigenze quotidiane.

trovalo in biblioteca

apri

}

Ellen Notbohm, 10 cose che ogni bambino con autismo vorrebbe che tu sapessi, Trento, Erickson, 2015

Dieci consigli, dieci utilissime indicazioni che permettono di capire meglio le difficoltà di chi ha questo deficit in un viaggio di conoscenza e di scoperta di differenze ma anche di punti di contatto e possibilità di crescita.

trovalo in biblioteca

apri

}

Paola Pennisi, Il linguaggio dell'autismo: studi sulla comunicazione silenziosa e la pragmatica delle parole, Bologna, Il mulino, 2016

Negli ultimi vent'anni i migliori risultati sui trattamenti dei disturbi dello spettro autistico sono stati ottenuti da quegli studiosi che hanno saputo integrare informazioni provenienti da ambiti di ricerca diversificati, quali le neuroscienze, la psicologia clinica e le scienze del linguaggio. Questo volume si propone di analizzare il problema da una prospettiva interdisciplinare, in linea con il progetto delle scienze cognitive, per fornire un'indagine aggiornata e approfondita della letteratura sui profili linguistici e pragmatici dei soggetti con autismo e sui preconcetto posti dalla cognizione autistica nella comunicazione col mondo. A partire da questi elementi viene proposta un'innovativa interpretazione teorica e filosofica dello sviluppo del linguaggio nei pazienti affetti da autismo, che mette in discussione i principali luoghi comuni sul rapporto tra il linguaggio e la comunicazione intersoggettiva.

trovalo in biblioteca

apri

}

Steve Silberman, NeuroTribù: i talenti dell'autismo e il futuro della neurodiversità, Milano, Edizioni LSWR, 2016

Un approccio innovativo basato sull’idea che la neurodiversità sia il tratto comune che ci rende umani e indica un percorso che permetta alle persone con modalità diverse di apprendimento di fruire di tutte le risorse necessarie per crescere ed acquisire autonomia e indipendenza.

trovalo in biblioteca

apri

}

Manuel Sirianni, Il bambino irraggiungibile, Milano, Bompiani Overlook, 2017

Manuel, sedici anni, vive a Catanzaro e sta per finire la quarta ginnasio. Non possiede le parole parlate, ma quelle scritte sì: ha trovato attraverso la scrittura il suo modo di mettersi in comunicazione col mondo. È lui, con grande consapevolezza, a raccontare la sua storia e quella della sua famiglia, e il loro lento aprirsi verso gli altri, anche quando non capiscono o non sanno. Fino a nove anni non ha parlato: semplicemente, urlava il suo malessere al mondo, come faceva la scienziata autistica Temple Grandin da bambina, sognando di liberarsi del silenzio che lo opprimeva. Poi grazie ai genitori e a un percorso attento ha scoperto la comunicazione facilitata e ben presto ha cominciato a scrivere. Da allora scrive sempre, con grande passione e precisione, e col gusto di chi ama le parole e le possibilità che offrono, per raccontare quello che non riesce a dire, per smentire chi pensa che "il quoziente intellettivo sia proporzionale alla quantità di parole emesse nell'aria".

trovalo in biblioteca