Piccoli qiqajon per meditare

giugno 2019

Qiqajon [kikaiòn] è il nome ebraico dell’alberello che Dio fece crescere sopra la testa del profeta Giona per concedergli un momento di gratuito riposo e di frescura. Il qiqajon durò una sola giornata, ma alleviò l’arsura, lo scoramento e la rabbia del profeta.
Le Edizioni Qiqajon, espressione della Comunità di Bose, una comunità di monaci e di monache appartenenti a chiese cristiane diverse che cercano Dio nell'obbedienza al Vangelo, nella comunione fraterna e nel celibato, sono nate e continuano a lavorare con passione per offrire occasioni in cui sostare e ritemprarsi, leggere, pensare e alimentare lo spirito…

Questa piccola bibliografia di opere pubblicate da questa casa editrice vuole proprio offrire all'inizio del periodo estivo ai lettori una opportunità di riflessione. Tutti i volumi sono disponibili per il prestito presso la Biblioteca comunale di Imola.

 

apri

}

Enzo Bianchi priore, Al termine del giorno, parole per illuminare il viaggio interiore. Magnano, Qiqajon, 2017

All’inizio della notte da sempre i cristiani innalzano lodi al Signore. È nel buio di quest’ora che, a partire dalla Regola di Benedetto, sono state pronunciate le parole indirizzate da un priore ai suoi fratelli e alle sue sorelle, e qui radunate in un’unica raccolta inedita. Parole sapienti capaci di illuminare il viaggio di chiunque sia alla ricerca di un senso per la propria vita

trovalo in biblioteca

apri

}

Riccardo Burigana, L'ecumenismo di papa Francesco. Magnano, Qiqajon, 2019

Le parole e i gesti di papa Francesco per l’unità della chiesa hanno aperto una nuova stagione del cammino ecumenico, soprattutto per quanto riguarda la sua dimensione quotidiana e locale: l’ecumenismo, infatti, deve diventare “pane quotidiano” nella vita dei cristiani nel mondo chiamati all’accoglienza della diversità

trovalo in biblioteca

apri

}

Sabino Chialà e Lisa Cremaschi, Detti editi e inediti dei Padri del deserto. Magnano, Qiqajon, 2002

L’Egitto vide con Antonio e altri suoi contemporanei la prima fioritura del monachesimo cristiano, e con esso un insieme di detti e parole messe poi per iscritto e tradotte dai monaci dei secoli successivi. Frasi e affermazioni che ancor oggi invitano alla riflessione l’uomo moderno

trovalo in biblioteca

apri

}

Olivier Clément, Il respiro dell'oriente, il volto dell'ortodossia nella storia. Magnano, Qiqajon, 2011

Come comprendere la separazione tra l’occidente e l’oriente cristiani? L’autore percorre gli eventi storici dal punto di vista bizantino, conducendoci a scoprire un mondo affascinante ove si incrociano bellezza e ascetismo, rigore intellettuale e dottrina

trovalo in biblioteca

apri

}

I cristiani di fronte alla guerra, pace e nonviolenza nella tradizione cristiana dalle origini a oggi. Magnano, Qiqajon, 2015

I testi qui raccolti ci offrono l’esempio di chi ha cercato la pace per restare fedele alle parole e all’esempio di Gesù. Dai testi più antichi alle parole dei grandi evangelizzatori del nostro secolo una riflessione sulla ricerca della pace, dono di Dio e nello stesso tempo compito profetico dei cristiani

trovalo in biblioteca

apri

}

Filosseno di Mabbug, Vivere è Cristo, lettera a Patrizio. Magnano, Qiqajon, 2019

La Lettera a Patrizio, qui tradotta per la prima volta in italiano, presenta nel confronto tra Patrizio, un giovane "solitario" della regione di Edessa, e Filosseno di Mabbug, padre siriaco vissuto tra il V e il VI secolo un vero e proprio itinerario spirituale destinato non solo a chiunque percorra la via monastica ma anche a ogni cristiano

trovalo in biblioteca

apri

}

Valérie Le Chevalier, Credenti non praticanti. Magnano, Qiqajon, 2019

Quale posto dà la chiesa ai praticanti occasionali che si sono allontanati da essa? Quale l'atteggiamento di chi si sente invece parte di questa chiesa? Papa Francesco alza un grido: "No a un'economia dell'esclusione". Ci sentiamo interpellati da queste parole?

trovalo in biblioteca

apri

}

André Louf, Uomini di Dio, testimoni della gioia evangelica. Magnano, Qiqajon, 2019

Quattro monaci e un vagabondo, tradizioni diverse, esperienze uniche, ma un'identica tensione: cercare il Signore nella vita di ogni giorno, in mezzo a una comunità, nella solitudine o per le strade del mondo nella povertà estrema. Testimoni di un cammino di sequela che parla ancora agli uomini e alle donne del nostro tempo

trovalo in biblioteca

apri

}

Luciano Manicardi, Spiritualità e politica. Magnano, Qiqajon, 2019

La qualità della politica è legata alla qualità umana di chi si impegna in essa, alla sua capacità di governare se stesso e di sopportare avversità e opposizioni: come i profeti biblici che, spesso in situazioni storiche di tenebra, hanno saputo creare futuro e dare speranza

trovalo in biblioteca

apri

}

Alberto Mello, Ricorda e cammina, Deuteronomio, una rilettura profetica. Magnano, Qiqajon, 2019

“Una legge mediata dalla profezia", questo è il filo rosso seguito dal nostro autore nel rileggere il Deuteronomio, ultimo libro della Torà che ripropone al popolo dell'esodo il patto con Dio, lo riattualizza spiegandone il senso, esortando anche a noi a stare sulla soglia della terra promessa in ascolto della parola di Dio. Commento, arricchito da una nuova traduzione integrale del testo

trovalo in biblioteca

apri

}

Anne-Marie Pelletier, Una fede al femminile. Magnano, Qiqajon, 2018.

Con lucida ed equilibrata analisi, grazie a una profonda conoscenza della Scrittura, nei testi qui raccolti l’autrice illumina la ricchezza di una vocazione cristiana vissuta al femminile, con tutto il suo spessore di esperienza, di conoscenza di Dio e degli esseri umani

trovalo in biblioteca

apri

}

frère Christian de Chergé e gli altri monaci di Tibhirine, Più forti dell'odio. Magnano, Qiqajon, 2010

«Se mi capitasse un giorno (e potrebbe essere anche oggi) di essere vittima del terrorismo che sembra voler coinvolgere ora tutti gli stranieri che vivono in Algeria, vorrei che la mia comunità, la mia Chiesa, la mia famiglia si ricordassero che la mia vita era donata a Dio e a questo paese... Che sapessero associare questa morte a tante altre ugualmente violente, lasciate nell’indifferenza dell’anonimato.» (Dal Testamento spirituale del Padre Christian de Chergé)

trovalo in biblioteca