Fa parte di:

Scarabelli Gommi Flamini Giuseppe (1820-1905)

Giuseppe Scarabelli Gommi Flamini (Imola, 15 settembre 1820-Imola, 28 ottobre 1905), geologo, paleontologo, archeologo, membro dell'Accademia dei Lincei, pubblicò le carte geologiche della Repubblica di San Marino (1851), della provincia di Bologna (1853), della provincia di Ravenna (1854), del territorio del Sinigalliese e dell'Anconitano (1859) e del versante settentrionale dell'Appennino compreso tra i fiumi Montone e Foglia (1880). Si dedicò a campagne di scavo presso le stazioni preistoriche di Monte Castellaccio di Imola e di San Giuliano presso Toscanella. Oltre al ruolo importante che rivestì in ambito scientifico con i suoi studi e le sue attività, fu personalità di primo ordine per la storia civica, politica e sociale di Imola. A partire dal 1846 ricoprì cariche pubbliche nell'Amministrazione comunale, in enti e istituzioni locali e fu tra i promotori della fondazione di importanti istituzioni a favore della città ancora oggi attive, e di cui fu direttore sino alla morte: l'Asilo infantile “Principe di Napoli” (1847), oggi Giardino d'infanzia, la Cassa di Risparmio (1855) e il Gabinetto di storia naturale di Imola, poi Museo civico (1857). Primo sindaco di Imola dopo l'unità d'Italia (dal 1860 al 1866), nel 1864 fu nominato senatore del Regno.

Bibliografia

Una vita da scienziato. Carte e libri di Giuseppe Scarabelli nella Biblioteca comunale di Imola, a cura di Marina Baruzzi, Imola, Biblioteca comunale di Imola, 2006.

La collezione Scarabelli. Geologia, vol. 1,  a cura di Marco Pacciarelli, Gian Battista Vai, Casalecchio di Reno, Grafis, 1995 (a cura dei Musei civici di Imola). 

La collezione Scarabelli. Preistoria, vol. 2, a cura di Marco Pacciarelli, Casalecchio di Reno, Grafis, 1996 (a cura dei Musei civici di Imola).

Fondo archivistico

Archivio scientifico di Giuseppe Scarabelli Gommi Flamini, fascc. 135, disegni 20, stampe 9, vol. 1, reg. 1, per un totale di 166 unità archivistiche condizionate in 10 buste (1843–1905, con seguiti al 1937): corrispondenza, manoscritti, appunti, carte geologiche, disegni, stampe e fotografie, relative agli studi e all'attività scientifica da lui svolta in campo geologico, paleontologico e archeologico. In particolare si segnalano le carte geologiche, idrogeologiche, topografiche e stratigrafiche, alcune delle quali pubblicate da Scarabelli, altre utilizzate come strumenti di studio e le circa duecento fotografie di reperti o scavi archeologici, strumenti scientifici, rinvenimenti preistorici, paesaggi di interesse geologico.
Provenienza: dono del nipote Giovanni Toldo, 1937.

Strumenti di ricerca

L'Archivio scientifico di Giuseppe Scarabelli Gommi Flamini. Inventario a cura di Simona Dall'Ara in Una vita da scienziato. Carte e libri di Giuseppe Scarabelli nella Biblioteca comunale di Imola, a cura di Marina Baruzzi, Imola, Biblioteca comunale di Imola, 2006, pp. 15-78. Consulta on line l'inventario.
Le fotografie. Catalogo a cura di Silvia Mirri in Una vita da scienziato. Carte e libri di Giuseppe Scarabelli nella Biblioteca comunale di Imola, a cura di Marina Baruzzi, Imola, Biblioteca comunale di Imola, 2006, pp. 79-112. Le fotografie sono descritte anche nel catalogo on line.

Altra documentazione

Presso l'Archivio storico comunale di Imola è conservato anche l'archivio delle famiglie Scarabelli Gommi Flamini.

Fondo cartografico

Comprende 91 titoli, alcuni in più esemplari. Le carte sono conservate in parte nell’Archivio scientifico e in parte collocate nei fondi iconografici della Biblioteca.
Si tratta in prevalenza di carte geologiche, a stampa e manoscritte, alcune delle quali pubblicate da Scarabelli.
I titoli sono reperibili anche nel catalogo on line.

Bibliografia

Le opere di Giuseppe Scarabelli nella Biblioteca comunale di Imola. 2. La cartografia, a cura di Stefano Mariani, Alessio Mazzini, Emanuela Ravaioli in Una vita da scienziato. Carte e libri di Giuseppe Scarabelli nella Biblioteca comunale di Imola, a cura di Marina Baruzzi, Imola, Biblioteca comunale di Imola, 2006, pp. 209-320 (la cartografia è descritta anche nel catalogo on line).

Fondi librari

Fondo Scarabelli-Pirazzoli-Tassinari e Liverani

Comprende 110 opere, in diverse centinaia di volumi. Tra questi circa 160 volumi furono donati da Scarabelli. Il fondo è collocato nei depositi storici.
Sono presenti in prevalenza opere di scienze naturali.
Il dono pervenne da Odoardo Pirazzoli, Giuseppe Scarabelli, Giacomo Tassinari e Giuseppe Liverani nel 1858 e fu all’origine del Gabinetto scientifico di storia naturale.

I titoli sono reperibili nel catalogo storico e on-line.

Bibliografia

Il fondo Scarabelli, Pirazzoli, Tassinari e Liverani in Una vita da scienziato. Carte e libri di Giuseppe Scarabelli nella Biblioteca comunale di Imola, a cura di Marina Baruzzi, Imola, Biblioteca comunale di Imola, 2006, pp. 325-336.

Biblioteca del Gabinetto scientifico di storia naturale
Il fondo comprende 1500 volumi e ha mantenuto la sua unità nei depositi storici (Sala 9).
I titoli rispecchiano i vasti interessi dello scienziato nell'ambito delle scienze geologiche, preistoriche, archeologiche e più in generale scientifiche. Le opere furono ricevute in dono o acquistate da Scarabelli, che coordinava il Gabinetto scientifico di storia naturale di Imola.
Durante tutta la sua vita Scarabelli lavorò alla raccolta e all’accrescimento di una biblioteca specializzata all’interno del Museo. Dopo gli anni Trenta i libri del Gabinetto furono spostati dalla loro primitiva collocazione per confluire in una sezione della Biblioteca dedicata alla letteratura scientifica.
Le opere sono descritte nell’Elenco dei volumi e degli opuscoli esistenti nel Museo, databile ai primi anni del Novecento e conservato nell’Archivio dei Musei civici di Imola.
I titoli sono reperibili nel catalogo storico e nel catalogo on line.  Sfoglia o cerca un titolo.

Bibliografia
I libri del Gabinetto scientifico di storia naturale, a cura di Alessio Mazzini, Emanuela Ravaioli in Una vita da scienziato. Carte e libri di Giuseppe Scarabelli nella Biblioteca comunale di Imola, a cura di Marina Baruzzi, Imola, Biblioteca comunale di Imola, 2006, pp. 337-483.